XLI Rassegna Internazionale Premio “Telamone”

Sabato, 2 dicembre, 2017, alle ore 17.00, presso il Museo Archeologico Regionale di Agrigento, Valle dei Templi, si è svolta con grandissimo successo la 41esima edizione della Rassegna Internazionale del Premio “Telamone”, organizzata da Paolo Cilona, presidente del Cepasa, e da Chiara Cilona, presidente del Premio.

Gli organizzatori, che si adoperano ogni anno con dedizione, intelligenza, tenacia per rendere omaggio a chi cerca di realizzare una vita migliore per le nuove generazioni, hanno conferito il prestigioso riconoscimento ai Siciliani che si sono distinti, in modo encomiabile, in vari settori lavorativi.

Ecco gli insigniti del Premio Telamone 2017: Giuseppe Agnello – scultore, Luigi Birritteri – magistrato, membro del Consiglio di Stato, Francesco Buzzurro – chitarrista, Giovanni Gallo – chirurgo plastico, Nino Gaziano – penalista, consigliere nazionale Ordine Forense, Lumaca Madonita – Impresa Innovativa, Michele Ruoppolo – Primario di Urologia, Tommaso Parrinello – dirigente Agenzia Spaziale Europea, Angelo Pitrone – fotografo, Francesco Scianna – attore, Sarah Zappulla Mascarà – filologa e scrittrice.

Il Premio “Telamone per la Solidarietà” è stato consegnato a Rocco De Lucia e Barbara Burioli, Siropack Italia Srl, che hanno dimostrato lodevole senso di fratellanza e di eticità, dando lo stipendio a un loro giovane impiegato, Steven Babbi, affetto da una grave malattia che gli impedisce di lavorare.

È stata una magnifica manifestazione che ha promosso l’umanesimo e il sindaco Calogero Firetto ha dichiarato che bisogna essere molto orgogliosi della Rassegna del “Telamone” che porta alla ribalta internazionale Agrigento. A presentare l’evento è stata Daniela Spalanca.

Nell’ambito della cerimonia Giuseppina Mira ha letto la poesia “I Telamoni ti vengono incontro” e ha consegnato la poesia “Due Angeli vegliano su di te” a Rocco De Lucia e Barbara Burioli per il loro meraviglioso gesto di solidarietà.

Sono intervenuti: il coro polifonico “Magnificat” diretto da Lilia Cavaleri, il pianista Edoardo Savatteri, l’attrice Maria Grazia Castellana. Le motivazioni sono state lette da Liliana Arrigo, Loredana Arrigo, Daniela Ilardi, Stella Camillieri.

I TELAMONI TI VENGONO INCONTRO

Libertà col fiato mozzato
con zampilli di lacrime negli occhi
per colpa di chi ti perseguita senza ritegno
io per te tremo.
Libertà con le braccia ciondolanti
senza forza di alzarle verso il cielo
con le gambe paralizzate da mille frustate
io ti sorreggo.
Libertà che giaci in un letto
senza guizzi di speranze e di sorrisi
ansimante, inquieta, scarmigliata, stordita
io per te soffro.
Libertà malinconica
delle corse verso i tuoi fratelli
che ti aprivano le braccia
e al petto ti stringevano
io ti comprendo.
Libertà smaniosa dei giochi di bambina
nel giardino recintato
dove le ingiustizie non entravano
io per te mi struggo.
Libertà schiaffeggiata, percossa
straziata, offesa
io ti prendo per mano e protesto.
Libertà data alle fiamme
da uomini feroci e beffardi
io per te corro e chiamo in aiuto
i Telamoni, i giganti che combattono
con le armi dell’amore, della ragione
del diritto, dell’onestà, della giustizia
i giganti che combattono con le armi del lavoro
grondanti di sudore della fronte e non di sangue
i giganti che sono la nostra forza, il nostro orgoglio
gli eroi di ogni giorno.
Libertà, asciuga il tuo pianto
non increspare la tua voce in lamenti.
Coraggio! I Telamoni ti vengono incontro.
Coraggio! È la tua pace, è la mia pace.

Giuseppina Mira

DUE ANGELI VEGLIANO SU DI TE

La tua fronte grondava di sudore
le tue mani di fatica.
Poi la malattia ha spezzato
la tua energia
e la disperazione era già in agguato
ma sei stato salvato, sei stato amato.
Due Angeli ti sono stati accanto
e il tuo presente non è diventato palude
ma ruscello.
Ti sei dissetato.
Sei risorto.
La solitudine non ha scavato il vuoto dentro di te
non ha scavato il vuoto attorno a te.
Due Angeli hanno vegliato e vegliano su di te.
Sono diventati le tue braccia, le tue gambe
nel giardino del sole dove raccolgono
e ti fanno gustare i frutti del tuo sudore.
Due Angeli hanno respirato l’odore
dell’onesto sudore che ancora ti porti addosso.
Hanno respirato il profumo della vita.

Giuseppina Mira

Rispondi:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


© 2016. Soffi di Vita di Giuseppina Mira. Tutti i diritti riservati.